Draconidi d’Ottobre al picco

Ottobre è tempo di Draconidi, tra le altre occasioni astronomiche fornite dal mese in corso. Si parla quindi di uno sciame meteorico che viene ad originarsi quando il nostro pianeta attraversa la coda di polveri della cometa periodica 21P/Giacobini-Zinner (da qui anche il nome di Giacobinidi), scoperta nel 1900 dall’astronomo Michel Giacobini e confermata nella sua natura cometaria 13 anni dopo da Ernst Zinner. (Nella foto sotto, la cometa in una immagine d’archivio © NASA/JPL)


Le sere migliori per l’osservazione di questo sciame meteorico iniziano da oggi, e si avrà la possibilità di osservarne fino alla notte del 10. Il picco massimo di intensità comunque si avrà tra la notte del 7 e la notte dell’8 Ottobre con un rateo orario (ZHR – Zenithal Hourly Rate) di circa 10/20 meteore all’ora. Dove bisognerà rivolgere il nostro sguardo per osservarle? L’immagine allegata proprio qui sotto risolve il quesito.

Ovviamente, quasi inutile dirlo, le Draconidi sono così chiamate perchè il radiante dal quale sembrano originarsi tutte è localizzato nella ‘testa’ della Costellazione del Draco, una costellazione abbastanza debole, rintracciabile nel suo intero solo sotto notti terse e senza Luna (come sarà quest’anno) lontano dalle luci cittadine. Per individuarla facilmente, seguendo le indicazioni dell’immagine, bisognerà rintracciare prima l’Orsa Minore (la costellazione della Stella Polare) oppure la più grande Orsa Maggiore (Grande Carro), che in questo periodo rimane bassa all’orizzonte settentrionale, ma è sempre facilmente riconoscibile.

Quattro anni fa, nel 2011, questo sciame stupì gli osservatori Europei così come quelli di tutto il mondo, con un display registrato di oltre 500 meteore all’ora! Non sappiamo se quest’anno avremo una prestazione simile (molto probabilmente l’elevato numero di due anni fa è da ricollegarsi al fatto che la cometa aveva effettuato da poco il suo perielio, passando nel punto della sua orbita più vicino al Sole), ma cieli nuvolosi permettendo, sarà sicuramente un display interessante da osservare. Con nulla più che i nostri occhi rivolti al cielo e un pizzico di pazienza.

Buone Osservazioni a Tutti!
G. Petricca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!