Sei pianeti prima del Sorgere del Sole

In questi giorni tutti avrete sicuramente letto dell’evento che sta appassionando gli osservatori celesti da qualche tempo, ovvero l’allineamento planetario che è possibile osservare al mattino, prima dell’alba, lungo quasi tutta l’eclittica (il percorso apparente che il Sole compie in un anno rispetto allo sfondo della sfera celeste).

In questa suggestiva foto grandangolare realizzata da Rob Ratkowski dalla cima del monte Haleakala, nelle Hawaii, possiamo osservarlo in tutta la sua bellezza, e senza il problema delle nubi, che si possono notare in basso.

Nell’ordine e partendo dall’orizzonte a sinistra, possiamo osservare Mercurio, Venere, Saturno, Marte, la Luna (che in questi giorni si muoverà tra i vari pianeti) e infine Giove, che va a chiudere le fila. Tutto il ‘treno’ planetario occupa più di 100° di campo visivo nel cielo, e sarà uno spettacolo decisamente affascinante da osservare.

Fino a quando? Abbiamo almeno altre due settimane, dopo queste Mercurio tornerà sempre più verso il Sole, divenendo quindi invisibile, e la distanza tra i vari pianeti aumenterà fino a ‘rompere’ questa catena immaginaria nel cielo.

Ecco come apparirà il cielo al mattino del prossimo 2 Febbraio, con la sfilata planetaria ancora presente in grande stile! In termini di distanze parliamo di questi valori invece: Mercurio è a circa 130 milioni di km dalla Terra, mentre Venere è a 201 milioni di km di distanza. Ci appare molto più luminoso in virtù delle sue maggiori dimensioni (simili a quelle del nostro pianeta) e per l’alta riflettività della propria atmosfera.
Saturno è naturalmente il più lontano di tutti, essendo a circa 1.5 miliardi di km da noi, ed ha una magnitudine visiva simile a Marte, posizionato ora a 206 milioni di km. Come è possibile questo? Anche qui entrano in gioco le enormi dimensioni del pianeta rispetto all’altro con cui viene paragonato, che va a riflettere quindi più luce anche ad una distanza enormemente maggiore.
L’ultimo è Giove, a circa 700 milioni di km e sulla strada della propria opposizione (punto di minore distanza) con la Terra, che avverrà il prossimo 8 Marzo.

Dunque sono cinque… e il sesto dove si trova (non essendo naturalmente la Luna)? Anche se non possiamo osservarlo per intero, ci siamo letteralmente sopra! La nostra Terra è l’unico pianeta del Sistema Solare in grado di supportare la vita come la conosciamo, ed è certamente incluso di diritto nella nostra corsa planetaria. Quindi, e non fatelo solo in questa occasione, fermatevi ad ammirare ed apprezzare tutte le sue bellezze.

In conclusione, una piccola ‘chicca’ per chi dispone di telescopi di diametro generoso e vuole tentare l’osservazione: in realtà i pianeti sono ben 7! Ma il piccolo e remoto Plutone non è affatto visibile ad occhio nudo, anche se si trova vicino a Mercurio, come si può vedere in questa immagine.

Buone Osservazioni a Tutti!
G. Petricca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!