Il transito ravvicinato dell’asteroide 2004 BL86

Durante la sera e la notte di domani, un asteroide di circa 500 metri di lunghezza, passerà vicino (in termini spaziali) al nostro pianeta Terra. Il suo nome, la sua classificazione, è 2004 BL86, che ci indica anche il suo anno di scoperta, il 2004 appunto, ad opera del progetto LINEAR (LIncoln Near Earth Asteroid Research).

Infatti, questo corpo celeste minore, è un NEO, acronimo che sta appunto per Near Earth Object, una classe di oggetti che comprende asteroidi, comete e meteoroidi. Vengono costantemente monitorati, per quanto è possibile dalle nostre attrezzature disponibili al momento, dato il possibile rischio di impatto con il nostro pianeta. In questo caso, 2004 BL86, transiterà a circa 3 distanze lunari dalla Terra, quindi a circa 1,2 milioni di km: una distanza sicuramente sulla soglia di attenzione, ma che non desta alcuna preoccupazione.

Nell’immagine appena sopra (©NASA/JPL Near-Earth Object Program Office), possiamo vedere in scala, l’effettiva distanza minima che raggiungerà l’asteroide 2004 BL86. Il punto di massimo avvicinamento si avrà alle 17:00 italiane di domani, e quindi sarà posizionato perfettamente per una osservazione serale/notturna dal nostro paese.

Infatti, l’astrofisico Gianluca Masi, con il suo Virtual Telescope Project, provvederà a fornire immagini in tempo reale del transito di questo corpo minore. http://www.virtualtelescope.eu/webtv/
Un altro feed online sarà quello di Slooh.comhttp://live.slooh.com/stadium/live/large-asteroid-2004-bl86-makes-its-close-approach-live

Non abbiamo immagini dettagliate di questo asteroide, anzi, non ne abbiamo affatto. Per questo la NASA, con il suo radiotelescopio di Goldstone insieme all’enorme osservatorio radioastronomico di Arecibo, a Puerto Rico, osserveranno tramite microonde questo corpo celeste, tentando di crearne una mappa radar che ci possa fornire il suo aspetto approssimativo esteriore. Inutile dire che siamo tutti in attesa di tali immagini, che ci faranno conoscere visivamente, per la prima volta, un altro abitante del nostro Sistema Solare.

Da Terra, però, cosa riusciremo a vedere? E soprattutto con quali strumentazioni? Intanto, ecco una mappa (©NASA/JPL Near-Earth Object Program Office) che mostra il suo percorso (in orario UTC, dovete aggiungere un’ora per ottenere l’ora italiana) durante la serata di domani.

Come possiamo facilmente notare, il suo moto relativo sarà elevato rispetto alle stelle che rimarranno ‘di sfondo’. Nel momento di sua massima illuminazione, 2004 BL86 avrà una luminosità che lo pone intorno alla nona magnitudine, quindi sarà osservabile senza problemi da chi ha telescopi con almeno 15 cm di specchio, ma anche tramite buoni e potenti binocoli se si osserva da cieli bui. Cercate di prendere riferimenti tramite le mappe stellari per orientarvi ed identificarlo.

Sul mio canale Twitter @AstroPratica, e anche sul canale Facebook effettuerò un LIVEstream dove con le immagini in aggiornamento reperite online, seguiremo durante la sera fino alla mezzanotte lo spostamento di questo asteroide lungo la volta celeste.

Buone osservazioni a tutti.
G. Petricca

4 pensieri riguardo “Il transito ravvicinato dell’asteroide 2004 BL86

  • lunedì, 26 Gennaio 2015, in 9:34
    Permalink

    Interessante, grazie! Vorrei osare qualche tentativo di ripresa con la mia attrezzatura fotografica: corpo macchina Canon 5D Mark III ed un 70-300mm su treppiedi. Senza una montatura equatoriale la vedo dura, però chissà…

    Rispondi
  • lunedì, 26 Gennaio 2015, in 11:37
    Permalink

    Di nulla, grazie a te!
    Si, effettivamente senza una montatura equatoriale inseguire almeno il cielo (dato che come scritto l'asteroide avrà una alta velocità relativa rispetto allo stesso) sarà difficile.
    Puoi tuttavia tentare questo: dato che l'asteroide sarà di nona magnitudine, anche senza zoomare troppo, emergerà comunque come puntino, nel campo stellare. Quindi, rimani sui 70 mm, alza l'ISO più che puoi senza che esca troppo rumore (800 va bene), e fai dei test con il tempo di esposizione fino a quando le stelle non iniziano a uscire come strisce. Quindi fermati poco prima di questo punto, e tramite l'elaborazione in postproduzione, vedrai che l'asteroide sarà lì nella fotografia!
    Io inserirò, durante la diretta di stasera su twitter e facebook, mappe stellari che ne illustreranno lo spostamento ora per ora, in modo da aiutare chi come te vorrà tentarne la fotografia o la semplice osservazione.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!