La Cometa ISON entra nel range visivo delle prime sonde NASA

Da circa due giorni la ISON è entrata nel campo visivo di una sonda della NASA, in particolare della STEREO-A. Questa sonda è stata lanciata nel 2006, insieme alla sua gemella STEREO-B, per una missione di osservazione Solare. L’acronimo stesso del loro nome, che sta per Solar TErrestrial RElations Observatory, lascia intendere l’obiettivo di studio delle interazioni tra la nostra stella ed il nostro pianeta. Inoltre, il fatto che siano due obiettivi a ritrarre lo stesso soggetto da posizioni differente crea la possibilità di generare immagini stereoscopiche del soggetto stesso.

Ecco quindi un filmato, molto accelerato, di quello che è stato ripreso negli ultimi due giorni. Si notano facilmente due punti molto molto luminosi, il pianeta Mercurio e la nostra Terra, osservati dal punto di vista della sonda stessa.

Ma ci sono anche due piccoli punti in veloce movimento verso destra, dove (non inquadrato) è il Sole. Sono le comete 2P Encke -la più piccola- e la C/2012 S1 ISON, in primo piano nella ripresa. Quelle che vediamo come ‘danzare’ sono le loro code di gas e polveri immerse nel vento solare! Che è proprio quella sorta di ‘disturbo che si vede avanzare, a tratti con violenza, dalla destra dell’animazione. Come dire, che il ‘meteo’ al di fuori della nostra atmosfera, può essere attivo e molto più ‘feroce’ di quello che possiamo sperimentare, data la potenza enorme della nostra stella.

Ad oggi, comunque, mancano 4 giorni al perielio della ISON, e per ora sembra proprio che la cometa stia procedendo bene e spedita alla sua velocità di circa 350 Km al secondo(!) Non ci sono segni evidenti di frammentazione, almeno dalle immagini che possiamo ricevere. Nei prossimi giorni, inoltre, altre sonde della costellazione della NASA che osservano da vicino il nostro Sole inizieranno ad avere nei loro campi visivi la cometa stessa, garantendo un posto in prima linea per l’unica porzione della sua orbita che non potremo mai osservare, a causa della luce del giorno.

A domani con il prossimo aggiornamento, ma non prima di segnalare che domattina -per chi vorrà tentare- ci sarà la possibilità di tentare una osservazione della cometa. Attenzione però, la stessa sorgerà poco prima del Sole, ergo, osservate fino a qualche minuto prima dell’alba per la vostra località, dopo lasciate perdere! Ci sono rischi gravissimi per le osservazioni dirette al Sole con strumenti ottici!! Prestate la massima attenzione! La mappa sotto è per chi volesse cimentarsi nell’impresa: ore 6:15 (fino alle 6:45), direzione ESE.

G. Petricca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!