Un Saturno… come non l’avete mai visto!

Probabilmente si è sentita tante volte questa frase, ma ogni volta che personalmente vedo uno scatto del genere della sonda Cassini, non posso fare a meno di ripeterla, ancora una volta!
Lasciamo spazio direttamente all’immagine, che merita tutta la nostra attenzione e tutta la nostra meraviglia:

(© NASA – JPL – Cassini Team – Qui la versione FullRes)

Questa si che è una foto del pianeta Saturno!
Per realizzarla i tecnici della sonda Cassini (che orbita intorno al pianeta dal 2004, e che finora ci ha restituito le immagini più spettacolari del Signore degli Anelli, oltre che al primo studio approfondito sulla sua luna più grande, Titano), hanno atteso il momento nel quale, durante la sua orbita, la sonda fosse perfettamente allineata con il pianeta e il Sole, che risulta schermato da Saturno stesso.
Per comporre questo mosaico sono state utilizzate 323 immagini scattate dalla sonda in 4 ore di tempo, ed un lavoro del team a terra di circa 3 mesi, prendendo solo 141 scatti. Sicuramente i migliori! I colori sono totalmente realistici, se ci trovassimo nella stessa posizione della sonda nella stessa situazione, questo è quello che riusciremmo a vedere ad occhio nudo in termini di tonalità.
E il risultato è quello che potete vedere, uno straordinario panorama in altissima risoluzione (si dipana per oltre 650000 Km di lunghezza!) di tutto il sistema di anelli di Saturno, compresi quelli (i più esterni) che sono davvero evanescenti, e che solo in queste occasioni emergono in tutta la loro eterea bellezza.
Ma cosa stiamo guardando di preciso? Questa immagine nasconde molte più cose di quanto non appaia a prima vista, quindi ecco un utile sovraimpressione che ci spiega tutto quello che stiamo osservando.
Qui troverete una versione a maggiori dimensioni, per permettervi di leggere per bene tutte le didascalie. Ed ecco un piccolo ritratto di una parte del nostro Sistema Solare: nella stessa foto infatti, oltre a Saturno, possiamo vedere come piccoli punti luminosi i pianeti Marte e Venere, oltre a numerosi satelliti e stelle di fondo cielo.
Inoltre ci sono anche numerose lune pastore (satelliti all’interno degli anelli, che ‘guidano’ gravitazionalmente parti degli stessi), e l’evanescente ultimo anello del sistema, l’Anello E, il più esterno, composto dalle particelle rilasciate dai getti di materia provenienti dal polo sud del satellite Encelado. 
Ma soprattutto, ci siamo anche noi! La Terra e la Luna sono rintracciabili e distinguibilissime poco al di sotto del piano degli anelli. Certo, non sono più che semplici punti, rispetto a quel che possiamo osservare del gigante gassoso, ma, citando Carl SaganDa questo distante punto di osservazione, la Terra può non sembrare di particolare interesse. Ma per noi, è diverso. Guardate ancora quel puntino. È qui. È casa. È noi. Su di esso, tutti coloro che amate, tutti coloro che conoscete, tutti coloro di cui avete mai sentito parlare, ogni essere umano che sia mai esistito, hanno vissuto la propria vita.[…]
G. Petricca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!